Storia

Anni '70-79 - Dalla ripresa alla recessione

Con l'inizio degli anni '70 la Presidenza dell'Acer-Ucr presentò al Sindaco e alla Giunta un documento nel quale, in 19 punti, furono sintetizzate le proposte dell'Associazione per il rilancio del settore edile, per l'acceleramento dei programmi di opere pubbliche e per l'avvio dell'Asse Attrezzato, delle Zone Direzionali e di altre importanti strutture del PRG. Fra quelle proposte assunsero particolare rilevanza quelle relative alla repressione dell'abusivismo urbanistico che proprio in quegli anni raggiungeva la massima espansione.

Nel 1971 si rinnovarono le cariche sociali e fu eletto presidente dell'Acer l'ing. Marcello Santoboni. Nello stesso anno fu costituita l'Unione Regionale dei Costruttori Edili del Lazio (Urcel) e il "Comitato d'Intesa fra le forze produttive e professionali dell'edilizia romana" insieme con gli ordini e i sindacati professionali degli ingegneri, degli Architetti e dei Geometri, con l'Unione Industriali di Roma e con l'Associazione della proprietà Edilizia.

Nel 1972 l'Acer trasmise un documento alle autorità comunali nel quale si dichiarava che le imprese edili romane erano perfettamente in grado di realizzare tutti quei programmi di costruzioni edilizie e di opere infrastrutturali che il Comune intendeva appaltare, e venivano rinnovate proposte di collaborazione con le Autorità capitoline stesse per la realizzazione di interventi atti a soddisfare i bisogni sociali della città e per mantenere i livelli produttivi ed occupazionali dell'industria delle costruzioni romana. Proseguì la politica dell'Associazione per il rilancio dell'attività urbanistica e imprenditoriale con particolare riguardo alla lotta dell'abusivismo urbanistico-edilizio ampliamente documentato da una indagine fotografica ed aerofotografica che era stata compiuta dall'Acer in 13 zone campione comprese nel territorio del PRG di Roma.

Il 30 aprile 1974 l'Associazione promosse la costituzione dell'I.SV.E.UR. (Istituto per lo Sviluppo Edilizio Urbanistico) allo scopo di fornire un concreto apporto promozionale allo sviluppo urbanistico-edilizio dell'area romana.
Poi, con le modifiche statutarie del '74, l'Acer-Ucr riprese il nome di Acer - Associazione Costruttori Edili di Roma e Provincia.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Leggi l'informativa.